Arte e Mestieri

Contaminazioni forti, pure ed indomabili! Sono questi gli elementi che fanno dei gioielli di Gerardo Sacco un esempio di vitalità artistica e forza emotiva. Si deve a queste caratteristiche, ed alla sua capacità di studiare e reinterpretare modelli del passato, la scelta di Franco Zeffirelli di affidargli la realizzazione dei gioielli di scena per molteplici opere teatrali e cinematografiche. Il suo estro, elaborato ed eccentrico, lo rende capace di creare tesori multiformi e multicolori, adatti a dive intramontabili oltre che per collezioni contemporanee.

(1988) | Franco Zeffirelli,  ELizabeth Taylor e Gerardo Sacco
sul set del "Giovane Toscanini"
Liz Taylor, Franco Zeffirelli e Gerardo Sacco sul set de Il Giovane Toscanini

Questa è senza dubbio una delle creazioni alle quali il maestro è più legato, è stata realizzata in occasione di un’asta di beneficenza per l’AMFAR tenutasi nel 1989 a New York. Fu addirittura Liz Taylor, madrina dell’evento, a volerlo far partecipare accanto ai più famosi gioiellieri! Recentemente è giunta in azienda la notizia, che questa stessa collana è stata nuovamente messa all’asta e rivenduta!

gerardo-sacco-pezzo-unico

Gioielli fatti a mano

Le creazioni di Gerardo Sacco sono gioielli fatti a mano, dallo stile eclettico e multiforme, interamente pensati, disegnati e realizzati nel laboratorio-bottega del maestro orafo. Gioielli che ci conducono in uno spazio fatto di antichi mestieri e tecniche innovative da sperimentare. La passione e la capacità di voler tramandare alle future generazioni un sapere che, oltre alle abilità manuali, si alimenta di una continua ricerca volta all'originalità ed all'audacia. Per questo motivo Gerardo Sacco da sempre forma giovani aspiranti orafi trasformandoli in artigiani di comprovata esperienza. E' una continua visione di mani che lavorano, partendo dal bozzetto grafico, passando per la tecnica della cera persa e dalle attività svolte al banco. Un sorprendente viaggio attraverso l'unicità del Made in ltaly, dove genialità e spirito imprenditoriale rendono eccellente un'azienda artigianale che, mantenendo i processi produttivi non automatizzati e collaborando con artigiani italiani, può vantare la realizzazione di creazioni interamente prodotte in Italia. Inoltre il laboratorio di Gerardo Sacco è spesso teatro di progetti formativi che coinvolgono giovani provenienti da scuole con indirizzo orafo e istituti d'arte. Una grande opportunità rivolta a chi per rispondere alla crisi cerca uno sbocco lavorativo, apprendendo e specializzandosi in un mestiere carico di fantasia e concretezza insieme.

Come nasce un gioiello

Artigianalità

Artigianalità

Dal progetto al modello
La nascita di un'idea... La realizzazione di un gioiello parte dall'ispirazione e l'intuizione di Gerardo Sacco, che guida il reparto creativo dell'azienda.

Solitamente si parte dalla ricerca storico-artistica, e dalla volontà di creare un oggetto che racchiuda in sé arte, cultura e originalità! Iniziando dall'idea progettuale, si procede con il suo sviluppo attraverso l'esecuzione del bozzetto grafico, che in un primo momento è sempre realizzato a mano.

Una volta terminato il progetto si passa alla realizzazione in cera del modello vero e proprio, e lo si fa o direttamente a mano o con l'ausilio della prototipatrice.

La cera persa

La cera persa

Un metodo antico
per creazioni senza tempo

I prototipi in cera passano al laboratorio, dove si provvede a montarli su un "alberello" collocato in un apposito cilindro, che viene riempito di gesso e lasciato in posa per almeno due ore.

Una volta indurito il gesso, l'intero cilindro si inserisce per tredici ore in un forno: è così che avviene la fusione a cera persa, che lascia l'impronta del modello nel gesso.

Successivamente si fonde il metallo (oro o argento) nella fonditrice a una temperatura di 1020° circa e nel vacumetal si pone il cilindro, nel quale si cola il metallo fuso che riempie gli spazi vuoti lasciati dalla cera.

Il banco

Il banco

la nascita di un gioiello unico
Una volta ottenuto il prototipo in metallo, inizia la lavorazione al banco, dove viene rimosso il gesso, lucidato e rifinito per procedere al suo stampo definitivo, attraverso una gomma che si utilizza per la realizzazione in più copie.

Il fatto che ogni creazione venga assemblata a mano, e che per questo motivo non risulti mai uguale a un altra, rende i nostri gioielli unici e distintivi.

È un'operazione ricca di fascino quella di infilare le micro perline a una a una intorno a un cammeo o a una pietra preziosa, e unire i vari pezzi per la realizzazione di un monile così originale.

Gli Argenti

Gli argenti di Gerardo Sacco rappresentano un unicum nell'attuale mercato dell'oggettistica.
Essi infatti traggono fonte inesauribile d'ispirazione dagli utensili della cultura contadina del Mediterraneo; le giare, i bracieri, le brocche e le anfore sono ridisegnati e foggiati in argento. Realizzati a mano con la tecnica dello sbalzo e del cesello, conservano intatta la loro peculiarità artigianale.

Scarica il catalogo

TFashion

Il TFashion racconta la storia del prodotto promuovendo nel mondo il "Made in Italy" nel modo più etico, autentico e trasparente.
La Gerardo Sacco è in possesso del passaporto n.CKR0001A per la filiera Oro, che attesta la produzione interamente italiana per tutti i gioielli del brand.
Scopri di più sul sistema TFashion: www.tfashion.camcom.it